Baby’s in Black: la moda in città studi

Babys-in-Black-Milano

Eva, la proprietaria, ci accoglie nel suo negozio con un sorriso gentile. Rimane seduta dietro al bancone e noi inizialmente non facciamo caso alla pancia che le riempie la gonna a fascia. “Sono due!” esclama gioiosa mentre fa segno di accomodarci su una comoda poltrona in pelle vicino all’entrata. Eva è radiosa, ci racconta la storia del suo negozio senza smettere di gesticolare e sorridere. “Eravamo in due all’inizio. Due amiche, io e Barbara, da poco laureate, io già stanca del mio lavoro, lei che non riusciva a trovarne uno. Amanti dei Beatles, ci vestivamo sempre di nero, detestavamo il fatto che a Milano non riuscissimo a trovare un negozio che vendesse vestiti artigianali a basso costo… e da qui l’idea di Baby’s in Black!”. Fischietta la canzone del quartetto inglese mentre noi prendiamo appunti.

Eva ci spiega che è lei stesa ad andare in giro per mercatini alla ricerca di stoffe. “I tessuti di arredamento sono i più belli, ma costano davvero tanto. Ad esempio, vedete quella pochette verde di lana? Ecco, è il tessuto di una tenda che costa più di 500 euro al metro!”. E’ per questo che loro utilizzano anche materiali di scarto e pezzi che vengono da svendite e campionari…così da permettere alla loro clientela di trovare dei prodotti non eccessivamente costosi. Eva non cuce, “è un grande impedimento, lo so, ma uno non può saper fare tutto!”, ma è una grande creativa e tutte le idee che le vengono in mente le riferisce al suo gruppo di artigiani. “I gioielli sono io a farli però!” afferma orgogliosa mostrandoci una serie di meravigliose collane con inserti di perle e pietre. I prezzi, come vi abbiamo detto, sono super vantaggiosi: si parte dai 10-30 euro degli accessori, fino ad arrivare ai 50-70 delle gonne e 60-80 dei vestiti. Tutti i pezzi sono unici, curati minuziosamente nei dettagli ed estremamente particolari!

Maggiori informazioni:

Via Bartolomeo Eustachi, 6, Milano, MI, Italia
Mar-sab: 10.30-13.00 15.30-19.30
02 201567
www.babysinblack.it

Condividi l'articolo